31 Luglio 2019
Il maltempo non ha risparmiato il Vicentino

“I danni all’agricoltura sono ormai diventati una consuetudine e, in alcuni casi, il bilancio delle aziende agricole propende più per le perdite che per il raccolto. Per questo dobbiamo correre ai ripari, prevedendo un’adeguata copertura assicurativa, con la consapevolezza che, con i cambiamenti climatici in atto, la situazione non andrà certo a migliorare”. Con queste parole il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, commenta gli eventi atmosferici, con forti folate di vento, precipitazioni e grandine, che ai primi di luglio hanno colpito diverse zone del Vicentino. Dalla mappatura effettuata, le zone colpite risultano essere in particolare quelle di Montecchio Maggiore, Gambellara, Montebello Vicentino, Brendola, Perarolo di Arcugnano, Fimon e Noventa Vicentina. Pesantemente colpito anche l’Alto Vicentino, specie la zona di Schio, interessata da significativi danni alle colture, in particolare viti, mais, orzo e frutta. Dalle rilevazioni effettuate emerge un 3040% di danni ai vigneti, altrettanto sul frumento, prossimo alla raccolta, su pesche, susine ed albicocche danni attorno al 7080%, considerando che una parte erano in maturazione. “I danni all’agricoltura sono ormai diventati una consuetudine e, in alcuni casi – sottolinea Cerantola – il bilancio delle aziende agricole propende più per le perdite che per il raccolto. Per questo dobbiamo correre ai ripari, prevedendo un’adeguata copertura assicurativa, con la consapevolezza che, con i cambiamenti climatici in atto, la situazione non andrà certo a migliorare”.

Lavora con noi

Invia la tua candidatura per mail cliccando direttamente sull'immagine

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning